Un cane cerca di far rivivere dei pesci fuor d’acqua: Ecco cosa ne dice la scienza (VIDEO)

Vi ricordate sicuramente del cagnolino del Taiwan che è diventato famoso in tutto il mondo dopo la pubblicazione del video che lo ritrae nel tenero tentativo – o almeno così sembra – di salvare dei pesci fuor d’acqua. Il cane dal cuore buono – questo il soprannome che gli ha dato il web – ha provocato numerosissime discussioni tra scienziati, animalisti e altri utenti della rete che vogliono capire cosa sta veramente dietro il comportamento di questo cane.

Ricordiamoci prima dell’incredibile video…


Super Dog Tries To Save Fish Out Of Water by SimplyJustRandomness

L’autore del video non ha fornito molte informazioni o almeno queste non sono trovabili su Internet, per cui non ci resta che focalizzarci sul video stesso al fine di capire da cosa è realmente spinto il cagnolino a comportarsi così.

Alcuni affermano che si tratta di compassione e che quindi il piccolo sta veramente cercando di far rivivere i pesci che vede, mentre altri rigettano questa ipotesi spiegando che il cane vuole solo sotterrarli, come avrebbe fatto con qualsiasi altro cibo.

I sostenitori della seconda teoria aggiungono che un cane, anche se probabilmente è intelligente quanto un bambino di 3 anni, non può, normalmente, avere coscienza che un pesce, per sopravvivere, ha bisogno di acqua.

Entrambe le parti sono d’accordo sul fatto che, non avendo altre informazioni a disposizione, non possono sapere se questo cane abbia avuto o meno la possibilità di “imparare” qualcosa sulla vita dei pesci.

Inoltre, entrambe le parti sottolineano che i cani, soprattutto quelli che crescono in casa, spesso cercano di “sotterrare” degli oggetti direttamente sul tappeto, solo spostandoli e premendoli con il muso e non mettendo quindi nulla sopra l’oggetto; se il padrone prende l’oggetto che loro consideravano nascosto – dimostrano stupore. Si tratta di un comportamento geneticamente ereditario ed è dunque molto possibile che il nostro cagnolino stava solo “assecondando” la sua innata necessità di nascondere del cibo.

Il secondo ’gruppo’ ricorda anche che la scienza non ha dato risposte definitive in merito all’altruismo degli animali, però non si possono negare tantissimi esempi che ne parlano in favore.

Sono intervenuti anche diversi psicologi che, pur non potendo dare retta a nessuna delle due parti, confermano che i cani sono animali compassionevoli e che esistono persino alcuni casi documentati di vera e propria amicizia tra cani e pesci.

Cosa ne pensate voi? Scrivete la vostra opinione nei commenti!